Cittadini del Mondo

Via Kennedy, 24 - Ferrara
Tel. 0532.764334

Italiano per stranieri

Lunedì         17:00-18:30
Martedì        17:00-18:30
Mercoledì    17:00-18:30
Giovedì        17:00-18:30
Venerdì        17:00-18:30

Attività doposcuola

Martedì    14:30 - 17:00
Giovedì    14:30 - 17:00

Ginnastica donne

non abbiamo ancora inziato il corso
ma si può iscriversi

Palestra via Ortigara 14

Occhioaimedia .org

occhioaimedia.org

litalia_sonoancheio

secondegenerazioni.it

 

 

arcoiris

 

Il 29 novembre 2012 è stata adottata la risoluzione 67/19 dell'Assemblea generale dell'ONU per la concessione dello status di osservatore permanente allo Stato di Palestina. La risoluzione è stata approvata con il voto favorevole di 138 stati membri, 41 astenuti e 9 contrari.
2014: Svezia, Gran Bretagna e Spagna riconoscono lo STATO DI PALESTINA 

                                        29 NOVEMBRE 2014

             ore 18 nel nostro centro via Kennedy 24 a Ferrara

                     L'ASSOCIAZIONE CITTADINI DEL MONDO

RICONOSCE LO STATO DI PALESTINA.

dibattito, musica con MC MANAR rapper del film “io sto con la sposa” e cibo con i nostri amici palestinesi

Piccolo atto simbolico per rompere il silenzio interrotto solo dagli eccidi e per mettere al centro la questione: il popolo palestinese perde ogni giorno un pezzo di terra e perde le sue case (dal 1967 27000 case demolite e, solo nel 2014, sono già 543 ma Netanyahu ne ha già promesse altre dopo l'ingiustificabile crimine contro la sinagoga di Gerusalemme). Il suo territorio non ha più nessuna continuità ma è ridotto ad un terreno a macchie di leopardo, con muri, checkpoint e reti divisorie in ogni campo, cortile, giardino.

Piccolo atto simbolico per chiarire che non si tratta di una guerra di religione ma un conflitto nazionale e politico e una occupazione illegittima dei territori.

È ora che i palestinesi abbiano uno Stato, con confini,documenti propri, ecc. e, in quanto Stato, richiedano il rispetto delle risoluzioni ONU, compreso il ritiro di Israele nei confini del 1967.

Questi ultimi 20 anni di stallo hanno permesso un'espansione incontrollata delle colonie, la pulizia etnica di Gerusalemme e la prigione a cielo aperto di Gaza, colpita dai massacri del 2008 e quelli di quest'anno con più di 2000 morti palestinesi ogni volta. Ma soprattutto hanno alimentato la confusione e la disperazione allontanando sempre di più una possibile soluzione politica.