Cittadini del Mondo

Via Kennedy, 24 - Ferrara
Tel. 0532.764334

Italiano per stranieri

Lunedì         17:00-18:30
Martedì        17:00-18:30
Mercoledì    17:00-18:30
Giovedì        17:00-18:30
Venerdì        17:00-18:30

Attività doposcuola

Martedì    14:30 - 17:00
Giovedì    14:30 - 17:00

Ginnastica donne

non abbiamo ancora inziato il corso
ma si può iscriversi

Palestra via Ortigara 14

Occhioaimedia .org

occhioaimedia.org

litalia_sonoancheio

secondegenerazioni.it

 

 

arcoiris

Campagna alternativa di cittadini colombiani e del resto del mondo in Italia per costruire Giustizia, Pace e Dignità in Colombia

A proposito della Campagna del 4 febbraio "Un Millon de voces" sostenuta dal governo di Uribe....

Le Associazioni multietniche Cittadini del Mondo e Hermanos Latinos di Ferrara, consapevoli della grave situazione sociale e politica che vive attualmente il popolo colombiano, promuove, sostiene e partecipa attivamente alla realizzazione de "La Otra Movida", la campagna alternativa di cittadini colombiani e cittadini del resto del mondo che utilizzerà gli strumenti della informazione, il dialogo

interculturale, la diffusione e il sostegno di modelli sociali alternativi che possano aiutare alla costruzione di un profondo e proficuo lavoro verso la pace in Colombia...

"Camminiamo insieme come una società multietnica e interculturale per sostenere all' "unisono" la difesa dei popoli, della loro terra, della loro dignità, della loro uguaglianza e giustizia"

"La Otra movida" si rivolge a tutti i colombiani residenti dentro e fuori dalla Colombia e anche a tutti i cittadini del resto del mondo per dire che:

 

 Condanniamo la "guerra sporca" che da anni insanguina la Colombia, condanniamo i sequestri e le uccisioni perpetuate dalle FARC e gli omicidi, i rapimenti e gli sradicamenti forzati effettuati da agenti statali, gruppi paramilitari e dalla polizia. Dopo la liberazione di Clara Rojas e Consuelo González de Perdomo, alcuni organi di informazione nazionale e internazionale hanno messo in risalto soltanto la situazione dei sequestrati come unico atto criminale da parte delle guerriglie colombiane, dimenticando che nel nostro paese ci sono anche migliaia di "desaparecidos" e che ancora oggi "bandas emergentes", gruppi armati protetti dallo stato, "imprese di sicurezza" continuano a realizzare atti criminali dello stesso genere provocando lo sradicamento di massa di connazionali, per la maggioranza contadini, indigeni, donne e bambini, obbligandogli a vivere nella povertà e nell'abbandono.

 In Colombia è stato consolidato da parte del presidente Alvaro Uribe Vélez uno Stato in pieno confronto bellico e in questo modo, una buona parte delle risorse sono state destinate all'apparato militare. Per il 2008 è previsto che l'81% degli incarichi pubblici pagati con soldi del governo centrale sia assegnato ai lavori di difesa, sicurezza e polizia e il 65% dell'investimento totale del governo nazionale sarà destinato alle spese militari.

 Le politiche governative favoriscono la presenza delle compagnie transnazionali in Colombia, sfruttano le risorse naturali del territorio senza garantire condizioni di dignità e rispetto per i diritti umani dei lavoratori e per l'ambiente contribuendo ad aggravare la situazione di disuguaglianza e il concentramento della proprietà e incrementando il numero di sfollati dalla campagna alla città. Oggi Bogotá, la capitale, ospita quasi 3 milioni di persone.

 La Pace in Colombia è l'obiettivo per il quale tutti i cittadini colombiani e del mondo dobbiamo lottare con forza unanime per garantire alla società civile uno Stato Democratico nel quale la dignità, la giustizia e la uguaglianza vengano rispettate completamente.

 In Colombia violenza è: impunità, clientelismo; ingiustizia sociale, economica, politica e culturale; discriminazione, corruzione, violenza contro le donne; "clasismo"; fattori che stanno alla base del conflitto e che bisogna cambiare nel cammino verso la pace.

 E' necessario unire le voci del mondo per richiamare con urgenza il "Intercambio Humanitario", non solo per salvare la vita di donne e di uomini in mano alla guerriglia e far uscire dalle carceri i detenuti a causa del conflitto ma anche per camminare sicuri verso la costruzione della pace con giustizia sociale in Colombia.

 E' importante che ogni cittadino colombiano e del mondo sia informato chiaramente sulla situazione reale che sta vivendo il popolo colombiano. In Colombia la libertà di espressione viene violata continuamente. Moltissimi sono stati i giornalisti, gli intellettuali, i leader comunitari, gli studenti, i sindacalisti e tanti altri cittadini comuni che sono stati minacciati, uccisi e allontanati dal paese per aver alzato la voce sulla verità dei fatti (o denunciato la situazione) che ogni giorno sprofondano la Colombia nella peggiore crisi umanitaria vissuta negli ultimi anni.

"Per la pace, la libertà e la dignità della Colombia, anche Lei Cittadina del Mondo"

Come partecipare a "La Otra movida"?

Ci incontreremmo il Lunedì 4 di Febbraio alle ore 18 in Piazza Trento Trieste

Si possono portare fazzoletti bianchi; bandiere arcobaleno; una candelina bianca (per ricordare tutte le vittime del conflitto)...e tutte le idee che possano fare di questo incontro l'inizio di un progetto più concreto...

Faremmo insieme un grande lenzuolo bianco con tutte le nostre firme e i nostri pensieri per la Giustizia, la Pace e la Dignità della Colombia

TE ESPERAMOS... TI ASPETTIAMO!!!

GRACIAS.....GRAZIE!!!!