Nell'articolo di Libero del 13-12-2011 sulla strage razzista di Firenze, non compare una volta la parola 'dolore', non compare una volta la parola 'razzista' e non compaiono i nomi delle persone uccise; trovano però lo spazio per usare il termine offensivo "vu cumprà" e per scrivere che il corteo ha gettato a terra qualche cestino dei rifiuti.